Skip navigation

Monthly Archives: May 2012

No.

Sì è grande, decisamente,  2’166’086 km² quindi l’Italia coi suoi 301’338 km² in confronto è ridicola, ma tu bambino di 8 anni che stai crescendo con le mappe di Google Maps ora probabilmente crederai che la Groenlandia sia più grande dell’Africa… allè festa… O magari stai pensando che l’Antartide sia gigatronico e che sia abitato da centinaia di leviatani:

Il mondo presentato da Google.

Però in verità l’ Africa è circa solo QUATTORDICI volte più grande della Groenlandia.
Bambino che oltre a nascere traviato da Facebook, cresci anche con un’idea del mondo geograficamente distorta, la proiezione usata da Google, la Mercatore (equatoriale sferica) [EPSG:3785, ex EPSG:3785, o EPSG:900913 (leet di google)] è una proiezione molto attrattiva effettivamente, è .. bella. E’ conforme quindi gli angoli sono veri, ma delle aree non gliene fotte una mazza. Più vai lontano dall’equatore, più le aree sono distorte ed ingigantite. Funziona mettendo la Terra dentro ad un cilindro con la base normale all’asse che unisce i poli nella sfera che rappresenta… metto uno schema:

Quindi ad esempio, vedendo il mondo con una proiezione equal-area, che sono una più brutta dell’altra, dalle forme più improponibili, triangoli, cuori, culi, tette..terrificanti, però dandoci un’occhiata ogni tanto si avrebbe una percezione migliore della proporzione tra i vari paesi e continenti. Guarda la Groenlandia dove minchia è ora:

La mitica Tobler (1973).

E già che siamo in tema di mappe geografiche, ci caccio dentro anche questo esemplare unico di proiezione conica sull’Europa (ci sono dei geni in giro):

Chi è l’idolo che ha prodotto questa mappa?

Advertisements

Madrediddìo.

The Analysis Factor

Blog: http://www.theanalysisfactor.com

Per iniziare, ad esempio:

– http://www.theanalysisfactor.com/assessing-the-fit-of-regression-models/
 – http://www.theanalysisfactor.com/small-r-squared/


higherquality.pdf

Time slips away
And the light begins to fade
And everything is quiet now
Feeling is gone
And the picture disappears
And everything is cold now
The dream had to end
The wish never came true
And the girl starts to sing

Seventeen seconds
A measure of life

 

 

Se io sto cucinando la mia adorata carne alla pizzaiola, tranquillo, e di colpo la mia radiolina si palesa con un pezzone del genere, io non posso che lanciare per aria la padella.
Prima di ascoltare i Liaisons Dangereuses in una radio pensavo fosse più probabile vedere gli Endura in visita ufficiale al Vaticano.

FluxFM, die Alternative im Radio. Tu sei una Radio.

 

[links: EN | IT]

{ Corriere Della Serahttp://siliconvalley.corriere.it/2012/05/facebook_acquisisce_litalianis.html }

 

…ma meno meno meno meno male…

Sì, figo il video di presentazione di Glancee { http://www.youtube.com/watch?v=eP91hAobaeI }, ci sanno fare sì, son bravi. Bravo Andrea. Questo è chiaro.

 

Andrea Vaccari, un nuovo mito.

 

Citando l’articolo: […] La somma (dell’acquisizione, NdR) e’ imprecisata, ma dopo aver acquisito Gowalla (ma che minchia di nome è? NdR) a dicembre e sganciato $1B per Instagram meno di un mese fa, non mi stupirei di un valore a 8 cifre.  Poco importa.”

Poco importa sì sì… Poco importa che è il mondo è un mondo del cazzo, e che per di più a me che minchia me ne frega di sapere chi ho intorno?
Oddio, con Glancee nel mio smartphone (che per grazia di Jonah non ho, quanta crisi in Italia che ci sono 42 iphone pro capite) potrei essere in grado di evitare di andare nello stesso posto di e.g. un noto rimpicoglioni che conosco. Questo sarebbe utilissimo.

Tieni quattrocentoquarantamilamiliardieduemilamiliardi di euri. Ricercatore X, tieni 40 euro, e sambo.

Eh insomma, italiano o polacco o armeno che sia, un altro mattoncino viene costruito verso una società che fondamentalmente comincia a farmi pesantemente cagare. Oggi sono volgare, chiedo venia.

 

 

E quelli che fanno ste applicazioni, per esempio Andrea! Ciao! Fai bene cazzo, con tutti i baiocchi che girano intorno a Facebook e a ste applicazioni/web-experiences tecnologicamente sublimi, Web 2.0 bello dinamico e interattivo, ma che fondamentalmente sono stronzate che tra parentesi stanno insinuando una mentalità irritante nella gente, o meglio nella manipolabile gioventù.

Non dico nemmeno che non dobbiamo sfruttare i benefici della tecnologia e del Web. Il cellulare, anche se ogni tanto scavarlo dalle palle fa solo bene, è abbastanza fondamentale; Twitter, oddio non lo uso, ma mi sembra che abbia la sua ben dimostrata utilità [es. non so, primavera araba / indignados (idoli)], e insomma non sto nemmeno qui ad elencare tutte le cose belle e utili del Web e della tecnologia.

Sto diventando un misantropo. Molto male Piero, quanto stress che devi buttar fuori.

“Andrea oggi è diventato un mito”.
Alla grande.